mercoledì 2 giugno 2010

Amsterdam - Trieste.....viaggio del gusto di due turisti speciali...ultima parte

carso triestino , frasche per segnalare le osmize aperte


A Trieste e precisamente nella zona carsica le frasche appese sono sinonimo di OSMIZA, termine dialettale derivato dallo sloveno "osem" ... otto, originariamente tali erano i giorni di apertura di case private dove era ed è possibile gustare affettati, formaggi e vini locali. La storia delle Osmize inizia all'epoca dell'Imperatrice Maria Teresa  d'Austria verso la  fine del 1700; i  contadini carsici  erano autorizzati a vendere  vino e generi alimentari  purché prodotti da loro stessi; la vendita poteva avvenire per periodi di otto giorni consecutivi  o multipli di otto durante tutto l'arco dell'anno, anche più volte nel corso dello stesso anno, lasciando alla discrezione dei proprietari la scelta di orari e prezzi.



Un'altra  condizione che si doveva rispettare era che l'Osmiza venisse indicata con una frasca in bella vista lungo la strada e sulla casa dove si vendevano i prodotti, pena la chiusura dell'attività. Ancora oggi  continua la tradizione di indicare le osmize con una frasca generalmente accompagnata da un'indicazione riportante il nome della località, "andar per frasche" è sinonimo di cibo e vino semplice ma genuino.
Nelle belle giornate si mangia all'aperto nei giardini di queste case private, le cibarie vengono servite semplicemente su vassoi di cartone,tutto è molto spartano e alla buona ma questo è il segreto del loro successo ...seguendo una di queste indicazioni noi siamo arrivati a questa  sita nel comune di Sgonico



osmiza carsica



osmiza carsica

osmiza carsica


Marina e Rudi hanno apprezzato le semplici cose servite qui a etto e non a porzione
 come nelle solite trattorie

Qui sembrano dire " quanti etti ne prendiamo per noi tre? Tu che dici?"

Marina e Rudi in osmiza

ci siamo sacrificati e siamo andati sull'abbondante....

affettati in osmiza


affettati e formaggi in osmiza


prosciutto cotto in osmiza


sottaceti in osmiza




Il tutto innaffiato da un ottimo vino Terrano casalingo,
 vino robusto che tinge le labbra (e i vestiti...) di viola.....

dal suo nido nel sottotetto una deliziosa rondine sbirciava nei nostri piatti

il nido di una rondine in osmiza


 Eravamo reduci da un giro iniziato di buon mattino all'Azienda di Dario  e Sandra  Zidarich a Prepotto nel comune di Duino Aurisina,abbiamo visitato  la stalla dove viene munto il latte per la produzione dei loro favolosi formaggi

la stalla di Dario Zidarich


Qui a Prepotto  "si crea" un formaggio unico al mondo, si chiama Jamar (in sloveno significa grotta),infatti proprio in una grotta a 70/80 metri di profondità le forme di Jamar stagionano...ne deriva un formaggio dal gusto unico,qui l'ho fotografato con accanto una caciottina alla santoreggia...

caciotta alla santoreggia e jamar, formaggi di Dario Zidarich


Eccezionale anche il formaggio a forma squadrata dall'aspetto marmorizzato dovuto al pepe...

formaggi di Dario Zidarich

Ecco Dario che con giusto orgoglio ci mostra lo Jamar appena tolto dalle fascere.

Dario è  presidente del MOISIR gruppo di sette allevatori appartenenti al  "Comitato promotore per la valorizzazione dei prodotti lattiero - caseari dell'altopiano carsico della provincia di Trieste".

Dario Zidarich e il suo jamar



Dario ci ha raccontato di come decise di lasciare il suo lavoro e di cambiar vita diventando un casaro, eccolo con la moglie  Sandra in una simpatica fotografia

Dario e Sandra Zidarich


Seconda tappa sempre a Prepotto, in mezzo alle case avvolte di edera ci aspetta
 l' Azienda vinicola di Sandi Skerk 

Prepotto borgo sul Carso triestino


Le viti guardano il mare e i profumi salmastri  e le brezze marine 
rendono il vino  particolarmente piacevole

panorama dal vigneto di  Prepotto verso il mare

panorama dal vigneto di  Prepotto verso il mare

La cantina è sotterranea e scavata nella durissima roccia carsica

la cantina di Sandi Skerk a Prepotto


Qui Sandi parla con Marina del suo lavoro 

Marina intervista Sandi


Abbiamo prima assaggiato e poi acquistato  il meglio dei suoi prodotti , io mi sono innamorata di un bianco dai colori ramati chiamato OGRADE (annata 2007) composto da uve Vitovska, Malvasia, Sauvignon e Pinot Grigio in percentuali diverse discendenti.Questo vino è stato classificato tra i vini d'Eccellenza dalla Guida Vini Espresso 2010.Il termine deriva dalla parola Ograda che sta ad indicare la particella dove è situata la cantina dell'Azienda Skerk che un tempo ospitava un vigneto di Vitovska e Malvasia.Ottimi però anche il rosso e corposo Terrano, specialmente il Riserva 2008 ancora non in vendita, a noi è stata regalata gentilmente una bottiglia da bersi in un'occasione speciale....

i vini di Sandi Skerk




Qui qualche notizia in più


Ultima tappa della giornata è stata  dedicata alla visita dell'uliveto dell'Azienda Fior Rosso 
 il più vasto della provincia

l'uliveto di Gioacchino Fiorosso a Trieste



Il titolare è Gioacchino Fior Rosso, siciliano della provincia di Agrigento ma da molti anni a Trieste,con la moglie triestina ha piantato personalmente  gli ulivi e rigorosamente a mano raccoglie le olive;stupenda l'ubicazione dell'uliveto dal quale si ammira il mare...

panorama dall'uliveto di Gioacchino Fiorosso



Al termine del nostro tour enogastronomico la "veneziana " Muggia con le sue calli e il leone sulla facciata del Municipio ci accoglie per un aperitivo

il Municipio di Muggia, località della costa triestina

una calle di Muggia


Marco e Marina



L'ultima sera  Marina  e Rudi sono stati graditi ospiti da me,anche Marco, generalmente latitante, ha voluto esserci ,da quando ho il blog il suo interesse per la cucina non è solo da buongustaio ma anche da addetto ai lavori e io ne sono felice......le ricette della cena  le posterò nei prossimi giorni.



Sono stati giorni densi , piacevolissimi , giorni in compagnia di nuovi ma già cari amici , un grazie di cuore a Marina e Rudi per avermi dato l'opportunità di far conoscere la mia amatissima terra, arrivederci ad Amsterdam....


26 commenti:

  1. I enjoyed the images, smells and tastes that seem to come from the photos.Beautiful!
    Regards

    RispondiElimina
  2. bellissimo tour Chiara...hai fatto conoscere e apprezzare angoli e tradizioni della nostra città accompagnati dai noi nostri sapori inconfondibili non solo ai tuoi amici ma anche a molti food blogger e non.Complimenti. Ciao e buona giornata. Lisa

    RispondiElimina
  3. Grazie mille, Chiara!
    Eccezionale tutto, persone e prodotti.
    Spero presto di trasmettere su Radio Onda Italiana (www.ondaitaliana.org) le registrazioni delle interviste a questi ed altri friulani speciali.
    Chiara si dovrà però sacrificare per una diretta :)
    Tutte le info a loro tempo su RadioCucina, naturalmente!

    RispondiElimina
  4. Grazie e complimenti x il racondo del viaggio e delle belle cose che hai fatto assaggiare anche solo cn il raconto e le foto...:D...buona giornata

    RispondiElimina
  5. Venire da te è un pò come viaggiare e ora che lo faccio un pò meno ogni tanto mi faccio un giro qui. Ospiti fotunati, i tuoi :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Chiara,manco per un po' di giorni .... e mi cogli con sorpresa!! Bellissimo questo scorcio della tua terra, amo Trieste per la sua aria (che io definisco) misteriosa... Bellissimo questo tour culto-gastronomico di Trieste e dintorni, l'ho letto tutto d'un fiato...Ciao e grazie per le tue visite tanto gradite, ciao e oramai buon week-end, a presto!!

    RispondiElimina
  7. @ Zondra Art :
    I'm glad you liked my photos, thanks for visiting Sandra

    @ Dolceamara : è sempre un piacere mostrare la mia città,qui ne ho l'opportunità, spero vengano in tanti, Trieste lo merita davvero, un abbraccio Lisa!

    RispondiElimina
  8. @ MarinaV : carissima,mi sacrifico con grande piacere,un bacione!

    @ Novelinadelorto :
    grazie per la visita e buonissima giornata anche a te!

    @ Pamirilla :grazie per i complimenti, mi fanno tanto piacere,bacio...

    @ Mandarine :Trieste effettivamente ha qualche luogo misterioso , di atmosfera...Anche a me fa tanto piacere quando passi a trovarmi,un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Che meraviglioso tour. Non abitiamo lontano, lo farei anch'io con te un viaggio così nella tua terra!

    RispondiElimina
  10. @ Solema : e a me farebbe piacere fartela conoscere, pensaci, io sono qui...Grazie per la visita,un abbraccio...

    RispondiElimina
  11. Hai incastrato alla perfezione testo e foto, bel reportage!

    RispondiElimina
  12. che bel giro! si capisce in un baleno che sei una guida appassionata, i tuoi amici saranno rimasti conquistati, di Marina m'incanta il sorriso è sempre così radioso che secondo me lei non s'incavola mai!
    mando un saluto al tuo bel ragazzo di bellezza solare e di dolcezza sorridente proprio come te!

    RispondiElimina
  13. un grazie 1000 per essere diventata sostenitrice del mio blog. inseriro' il tuo link tra i miei preferiti. bellissimo viaggio e bellissime foto. ciao Flavio

    RispondiElimina
  14. @ Tania :
    grazie per la visita e per i complimenti, mi fanno molto piacere....

    @ papavero di campo : cara Laura, sei sempre prodiga di parole gentili... Marco ringrazia arrossendo, ho un figlio un pò fuorimoda, timido(lui si definisce riservato) e dolce...un bacione

    RispondiElimina
  15. @ Flavio : grazie a te di essere passato a trovarmi, torna presto!Ciao...

    RispondiElimina
  16. Fantastico ! Un post più bello dell'altro :-D
    Quante cose ci hai fatto scoprire in poche righe? E io mi sono già innamorato di vini, olii e formaggi :-D
    Anche a Roma (e nel Lazio in generale) le osterie, già dall'800, venivano chiamate "fraschette" perchè sopra l'insegna, spesso dipinta e che recitava il nome (o più spesso il soprannome) del proprietario, veniva posta una frasca di olivo o di vite.

    RispondiElimina
  17. @jajo : Grazie, sei gentilissimo!L'invito è valido anche per te naturalmente!

    RispondiElimina
  18. Grazie Chiara, la storia delle osmize è veramente bella......si impara sempre qualcosa di nuovo.. venendo qui e non solo a cucinare! Trieste i deve esere una gran bella città...certo una guida del posto..è sempre l'ideale e poi accogliente, preparata e empatica come te....

    RispondiElimina
  19. Mi dovrò per forza organizzare per venire dalle tue parti. E' quando leggo questi reportage che rimpiango il mio camper.

    RispondiElimina
  20. @ Simoff: grazie per i complimenti, sei gentilissima...effettivamente il mio blog l'ho voluto proprio così:food&travel,un posto dove trovare spunti per piccoli viaggi all'insegna del gusto...

    @ Carlotta : avevo anche io il camper anni fa, era molto piacevole viaggiare così

    fate un pensierino per venire a Trieste....

    RispondiElimina
  21. CIAO CHIARA! sono tornata dalla vacanza a Loano e finalmente, ora che il pupo è a nanna, riesco a recuperare le letture di qs ultime 2 sett! il tuo blog mi piace sempre più, food&travel... due tra le cose che amo di più! conosco ancora poco, purtroppo, la tua bella regione.. Trieste l'ho vista di sfuggita di ritorno dalla Slovenia - mi piacerebbe molto tornarci, anche perchè la famiglia di mio marito è originaria del Friuli (Maniago) ed a me piace molto tornare nei luoghi della memoria e dell'infanzia... e sicuramente seguirò i tuoi incantevoli itinerari! a presto ed un abbraccio, Elisabetta

    RispondiElimina
  22. @ BETTA : carissima, sono contenta che il mio blog ti piaccia"sempre più"...vuol dire che migliora di giorno in giorno e questo è il mio scopo...Interessare le persone ai piccoli viaggi alla scoperta del gusto e del relax e incentivare ricette facili e gustose, cosa posso chiedere di più?Ricorda che se vorrai venire da queste parti ti darò tutte le informazioni che possono servire a rendere unico il tuo soggiorno, un bacione!

    RispondiElimina
  23. GRAZIE! senz'altro, prima o poi, non so ancora quando, programmerò un lungo we dalle tue parti... con soggiorno in b&b, come piace a noi ed anche a voi ;-) (ho visto, che belli, i b&b che hai visitato in alcuni tuoi itinerari!)... ciaoooo

    RispondiElimina
  24. @ BETTA : sarà l'occasione per conoscerci di persona...a presto!

    RispondiElimina
  25. Che bello, finalmente una mia concittadina che riesce a valorizzare le bellezze del nostro territorio...le foto sono sempre splendide, complimenti!

    RispondiElimina
  26. @ Bucaneve : ciao Tatiana, bello conoscere un'altra blogger triestina! grazie per i complimenti, mi fanno molto piacere...

    RispondiElimina

I commenti anonimi non verranno pubblicati
Link attivi o inattivi di qualsiasi genere non saranno pubblicati
All ANONYMOUS comments and links will not be considered

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...