sabato 3 marzo 2012

Che c'è di buono oggi ? (46) Strùcolo di spinaci

 strucolo di spinaci


Oggi per la consueta rubrica del sabato vi ripropongo una ricetta  tipica  del Carso triestino ma è facile ritrovarla anche in Istria. Le scuole di pensiero sono diverse: chi cuoce lo strùcolo avvolto in un canovaccio e lessato per un’oretta e chi, come me, segue la versione che lo vuole cucinato in forno. Diverso può essere anche l’involucro : un impasto di patate che racchiude il ripieno di spinaci e ricotta oppure dei fogli di lasagna arrotolati come dei grandi cannelloni. Il risultato però è sempre buonissimo!Io seguo la vecchia ricetta di mia nonna, tramandata prima a mia madre e poi a me......





Ingredienti :


una confezione di sfoglia per lasagne
1 kg. di spinaci
250 gr di ricotta
burro
pangrattato
1 uovo
Parmigiano Reggiano
sale, pepe
Lessare gli spinaci in pochissima acqua . Scolarli e strizzarli molto bene, tritarli a coltello e ripassarli in padella con burro e parmigiano, regolare di sale e pepe. Quando si sono intiepiditi aggiungere la ricotta e l’uovo. Mescolare bene e distribuire questo impasto sui fogli di lasagne formando uno strato alto circa mezzo centimetro. Arrotolare la pasta e adagiare questi rotoli ripieni in una teglia imburrata, con un pennellino ungerli con burro fuso affinchè non si secchino nel forno. Cuocere una ventina di minuti a 180°. Non appena intiepiditi tagliare a fettine e cospargere di pangrattato fatto rosolare in burro fuso, spolverizzare con abbondante parmigiano.



Con questa ricetta partecipo al contest di Luna del blog
" I pasticci di...Luna " nella sezione RICETTA ANTICA


Le ricette della carestia


buon fine settimana a tutti !
                                   



45 commenti:

  1. Un piatto stupendo e invitantissimo, complimenti tesoro, un bacione

    RispondiElimina
  2. @ Lady Boheme : grazie carissima! Un abbraccio....

    RispondiElimina
  3. si chiamava proprio strucolo , lo avevo dimenticato,avevo unan vicina di casa friulana che lo facevo spesso, non cosi è da provare :-))

    RispondiElimina
  4. conosco la ricetta ma non sapevo che si chiamava cosi!! deliziosi!! a me l'ha insegnata una signora toscana! :-P

    RispondiElimina
  5. Çok güzel olmuş,çokta lezzetli olduğuna eminim.ellerine sağlık..sevgilerrrr...

    RispondiElimina
  6. Mi sembrano fantastici...penso che preferirei la versione al forno...ciao.

    RispondiElimina
  7. @ Gunther : penso che derivi da strudel, grazie per la visita Gunther!

    @ Debora : grazie per la visita...

    @ Mirtilla : grazie cara, un bacione!

    @ Annemineli :Thanks for coming !

    @ Max. entrambe sono buone, questa però è più facile e veloce da fare, buona giornata Max, un abbraccio...

    RispondiElimina
  8. Io lo faccio avvolto nel canovaccio e cotto nell'acqua bollente ...ma qualsiasi versione è buona, hai ragione :)
    Ciao!!

    RispondiElimina
  9. la mia mamma ha fatto una volta qualcosa di simile anche se non conoscevo il nome vero di questa ricetta. Sono davvero appetitose quelle "girelle". sarei curiosa di provare anche la versione con le patate. Bacioni tesoro, buona giornata

    RispondiElimina
  10. This looks yummy....you have a lovely blog...I am having a giveaway in my blog..Y dont you check and join that
    http://yummytummy-aarthi.blogspot.com/2011/05/chocolate-recipe-and-chocolate.html

    RispondiElimina
  11. Bellissima presentazione. Complimenti. Stuzzica davvero l'appetito....

    RispondiElimina
  12. che bellezza, adoro i piatti verdi, proprio nelle mie corde, in più della tradizione, grazie della dritta!

    RispondiElimina
  13. sempre delle ricette molto golose che mettono appetito già a quest'ora

    RispondiElimina
  14. Che buono!!!!! le tue ricette mi fanno sempre sempre venire l´acquolina in bocca! Sempre! un bacio

    RispondiElimina
  15. un piatto che invoglia... bella idea chiara, a presto!

    RispondiElimina
  16. @ Dolceamara : ho scelto da postare la versione meno laboriosa ma anche l'altra è buonissima ! un bacione...

    @ Federica : è una ricetta che si può trovare un pò dappertutto con nomi diversi...Un abbraccio..

    @ Aarthi : thanks for coming Aarthi !

    @ Ilaria : grazie Ilaria !

    @ Sulemaniche : grazie per i complimenti, mi fanno molto piacere...

    @ Carmine Volpe : grazie Carmine!

    @ Colores : grazie per la gradita visita!

    @ Dolcipensieri : grazie Serena, un abbraccio...

    RispondiElimina
  17. Ooooh questo piatto l'ho mangiato a Trieste tanti anni fa, grazie per avermelo ricordato (mi salvo la ricetta ovviamente!) :-)

    Un bacione!

    RispondiElimina
  18. @ Muscaria : mi fa piacere che te lo ricordi, vuol dire che ti era piaciuto! un abbraccio...

    RispondiElimina
  19. Non conoscevo!
    In bianco non ho mai provato una pasta ripiena così. E ho imparato anche questo! Grazie!
    A presto!

    RispondiElimina
  20. Oh wow - Ho una voglia matta per mangiare questo e non vedo l'ora di fare questo piatto. brava.

    RispondiElimina
  21. @ Dana : mi fa piacere proporvi cose particolari, grazie per la visita!

    @ Ciao Chow Linda :grazie Linda, un bacione!

    RispondiElimina
  22. Ho appena scoperto il tuo blog: SPLENDIDO, davvero!!!
    Sono entrata immediatamente nel gruppo dei tuoi folloers!!!
    Buona serata!

    Francesca di SingerFood & Chiccherie

    http://singerfood.blogspot.com/

    RispondiElimina
  23. @ Singerfood e chiccherie : grazie per la visita e per esserti aggiunta ai miei amici!

    RispondiElimina
  24. Such a splendid dish! The pasta looks absolutely delicious, so thin and delicate.

    RispondiElimina
  25. @ @ Anna's table : it's easy to make ! Thanks for coming....A warm hug from Trieste....

    RispondiElimina
  26. Mi piace, mi piace molto!!!!

    ciao
    A.

    RispondiElimina
  27. @ Alessandra : grazie Alessandra !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che questa ricetta mi gusta d'avvero... ma non puoi pubblicarla alla 9 la mattina è come una pugnalata alle spalle... Ovviamente ho condiviso tanta bontà.
      Ciao Fabio Nincheri

      Elimina
    2. grazie Fabio ! buon weekend....

      Elimina
  28. Non sapevo il suo vero nome...ma che buona!!! :) buon fine settimana! Kiss.

    RispondiElimina
  29. Che buon piatto! Mi piace quando pubblichi i piatti della tradizione triestina!

    RispondiElimina
  30. je vais finir par m'inviter chez toi, un régal
    bonne soirée

    RispondiElimina
  31. Il contest raccoglie ricette per la carestia...ma questo ottimo piatto mi sembra veramente ricco e degno di apparire sulle tavole nei giorno di festa!!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie infinite, buona settimana anche a te !

      Elimina
  32. altro che carestia! :D ottimi! ovviamente il nome per me è nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il nome è in dialetto triestino, deriva da strudel...Un abbraccio...

      Elimina
  33. Ciao Chiara, buono questo piatto... ne facciamo anche noi uno molto simile. Ma dove sono andati tutti i follower? Noi, nel dubbio, ci siamo unite di nuovo... un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono riuscita a trasportarli nel nuovo blog, pensare che l'url è lo stesso e il nome del blog pure, sono molto dispiaciuta, aspetto notizie da che ne sa più di me, spero si possano rimettere al loro posto, grazie per aver voluto unirvi al mio blog, mi tirate su di morale, un abbraccio....

      Elimina

I commenti anonimi non verranno pubblicati
Link attivi o inattivi di qualsiasi genere non saranno pubblicati
All ANONYMOUS comments and links will not be considered

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...