sabato 15 giugno 2013

caro Camilleri...



Andrea Camilleri



caro Camilleri,

e' da tanto tempo che desidero scriverti, lo faccio per tirarti le orecchie, affettuosamente s'intende...







So per certo che  non ti arriverà notizia di quanto sto per scriverti ma io ci provo ugualmente....Ti seguo con affetto da anni,ho letto quasi tutti i tuoi libri, conosco e condivido la tua passione per il mangiar bene...Diverse volte ho pubblicato le ricette descritte nei tuoi libri e Adelina è ormai fonte di ispirazione per quanto riguarda la cucina siciliana che adoro ma.....Accetta, ti prego, questo mio piccolo sfogo di lettrice triestina innamorata della sua città e dei prodotti del suo territorio ....C'è un tuo racconto ambientato qui che si intitola "Miracoli a Trieste", fa parte del libro "Un mese con Montalbano"...Si racconta della venuta a Trieste per un convegno del famoso commissario . Qui incontra il collega Protti con il quale va a mangiare in un ristorante di pesce...Fin qui niente da obiettare ma poi, cito le tue parole: "Si fece un piatto di tagliolini all'astice e per secondo pigliò guatti sfilettati che difficilmente si trovano.Per mandare giù quella grazia di Dio, Protti gli consigliò un Terrano del Carso, prodotto sulle colline alle spalle di Trieste"...e qui , mio caro Camilleri, tramite questo tale Protti, che triestino non è di certo, hai preso una sonora cantonata! Mai e poi mai un vero triestino abbinerebbe  ad un piatto tanto delicato come i tagliolini all'astice il rosso e rude Terrano, nemmeno per i piccoli guatti va bene.... Si tratta di un vino  adatto a carni saporite,a piatti corposi, il Terrano è un vitigno autoctono, derivante dal Refosco,  sul Carso ha trovato il suo habitat naturale;caratteristica della zona di produzione del Terrano è la "terra rossa" che, unita al clima ed al sole, conferisce  al vino caratteristiche inconfondibili; tipica è anche la sua modesta gradazione alcolica. I medici lo raccomandano per la sua acidità che agisce sull'apparato digerente aiutandone il corretto funzionamento, è inoltre particolarmente indicato per le persone anemiche. Il sapore particolare  non a tutti è subito gradito, va conosciuto ed apprezzato un pò alla volta come una bella donna da conquistare...i triestini sono abituati ai suoi segni violacei su tovaglie e vestiti, lascia traccia di sè ovunque si posi, colora le labbra e corrobora il cuore ma con il pesce non lo azzarderei, lo sommergerebbe con la sua forte personalità....Per questo motivo mi sembra alquanto strano che tu lo abbia abbinato a quel delicato menù, volendo restare sui vini del Carso, altopiano formato da rocce calcaree che di collinare(come  tu citi) nel senso classico ha ben poco , posso dire che è  patria di straordinari e particolari vini DOC rossi e bianchi, vi sono sul Carso numerose aziende con cantine scavate nella roccia, luoghi assolutamente imperdibili per chi viene da queste parti....   Probabilmente i bianchi  Vìtovska , Malvasia o Glera (l'antico vitigno padre del Prosecco) avrebbero sublimato i piatti gustati dal commissario....Anche nel tuo ultimo libro (Il sorriso di Angelica, Ed. Sellerio) si parla indirettamente di Trieste, il personaggio femminile Angelica Cosulich è una mia conterranea, una donna particolarmente affascinante che riesce a coinvolgere profondamente il nostro Salvo, ne deduco quindi che la mia città ti piace, forse la conosci ma non in profondità come meriterebbe....Ti invito quindi a venire qui , mi offro come cicerone per portarti sia sul Carso che  a mangiare i nostri piatti tipici e ad abbinarli a  vini giusti,prometto di mostrarti tutte le bellezze che Trieste offre, chissà che tu qui non possa trovare altri spunti interessanti per i tuoi libri.....spero di non averti urtato con questo mio piccolo rimbrotto, un abbraccio affettuoso dalla tua devota lettrice triestina       Chiara


56 commenti:

  1. Io ignorantissima di vini (e pure astemia) non me ne sarei mai potuta accorgere. però con l'acqua sarei andata sul sicuro :))
    Simpatico questo post, un bacione tesoro, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie carissima, passa un felice weekend !Un abbraccio forte !

      Elimina
  2. Anche io sono un fan di Montalbano e Terrano e quindi devo essere d'accordo con i vostri commenti. E 'un vino molto speciale, ma non per astice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Diane, mi fa piacere che tu sia d'accordo con me ! buon weekend !

      Elimina
  3. Io non conosco i vini, ma al posto di Camilleri accetterei ben volentieri il tuo invito. Buona giornats.

    RispondiElimina
  4. mi fa piacere sapere che sei anche esperta di vini...sei una scoperta giorno per giorno,brava un tua lettrice affezionata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara Licia, sei sempre un tesoro, passa un felice weekend!

      Elimina
  5. pensa che ieri ho attraversato la città per andare a comprare una bottiglia di retsina, che non mi piace particolarmente, ma l'ho fatto per puro sentimentalismo.
    dei vini triestini so nulla, ma devo dire che la tua lettera mi ha fatto incuriosire.
    bella, e non dare per scontato che non la legga camilleri. in fondo chissà chi legge cosa...
    bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari la leggesse, ne sarei felice ! buon we cara Irene, la retsina non piace molto nemmeno a me, credo sia l'unica cosa greca della quale potrei fare a meno, del resto no, mi piace tutto ! un abbraccio forte, buon we !

      Elimina
  6. Lorenzo DeVecchi14 giugno 2013 08:31

    Ciao Chiara, hai ragione, la Tua amabile critica è perfetta e ovvia (per un triestino)!
    Confermo e approvo l'impiego del Terrano (o, in assenza, di un rosso di Bordeaux) per l'anemia sideropenica, in quanto contiene la preziosa ertromicina e il ferro della rossa terra del Carso;
    una volta, spero in piccole dosi, era suggerito pure in gravidanza!
    Ma per tutto il resto Andrea Camilleri è grande! Tuo Lorenzo DeVecchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Lorenzo, che piacere leggere il tuo commento !Sono felice di non aver scritto delle inesattezze, ti abbraccio e ti auguro un felice weekend !

      Elimina
  7. Bellissimo post Chiara (ma tanto che te lo dico a fare, i tuoi post sono sempre belli e interessanti!), spero che arrivi al destinatario e che accetti l'invito! Mi segno anche il vino che vorrei assaggiare, mi hai fatto venire una grande curiosità!!! Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie carissima, i vini della mia zona sono veramente buoni, felice weekend !

      Elimina
  8. Urca il commissario Montalbano preso in flagrante...
    Carino questo post Chiara !

    RispondiElimina
  9. Che splendido post Chiara, di critica arguta e costruttiva.. e quanto ne sai di vini!!:) confesso per me tra un tavernello e un barolo non c'è differenza (ecco l'ho confessato) mio marito, piemontese e grande appassionato non ci può credere... ti abbraccio cara una buona giornata:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie tesoro,ho scritto come sempre col cuore in mano, ormai mi conosci...Ti abbraccio e ti auguro di passare un weekend felice!

      Elimina
  10. Ma quante ne sai Chiara, secondo me Camilleri se la legge ne è felice e la prossima volta che decide di ambientare qualcosa fuori dal suo territorio si documenta meglio.
    Bellissimo post.
    Buon we.
    alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Alice, sei sempre gentile a passare a trovarmi, buon we !

      Elimina
  11. Ahahaha Chiara sei unica .... tirar le orecchie a Cammileri per un vino? stavolta anche se astemia son dalla tua parte ahahahha ebbene si non so' nulla ignoranza a mille ma in compenso noto che te potresti insegnarmi molto ebbbbbrava la mia Chiara.... bacione Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissima Giovanna, sei sempre un tesoro! passa un felice weekend, ti abbraccio !

      Elimina
  12. Ciao Chiara un blog serve anche e soprattutto per esprimere le proprie passioni e il proprio pensiero, tu hai fatto bene, speriamo che Camilleri legga il tuo post, io aspetto il seguito. Mi piacerebbe molto vedere l'intervista di Camilleri qui' sul tuo blog.Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sapessi quanto mi piacerebbe intervistarlo ! Io continuo a sognare ....Buon we cara, un bacione....

      Elimina
  13. tutti possono sbagliare, anche se ...de gustibus... ma che spasso il tuo post!

    RispondiElimina
  14. hahahahahah Chiara hai bacchettato Camilleri :-D io sono astemia quindi mi poteva rifilare qualsiasi vino, ma tu hai fatto benissimo a fare questa giusta osservazione, e chissà che non arrivi alla "recchia" dello scrittore :-D
    Buon fine settimana cara :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe un sogno se potesse leggere Ros ! Buon fine settimana cara, un bacione !

      Elimina
  15. Io di vini sono assolutamente inesperta e sono anche astemia! Però fossi in Camilleri non rifiuterei questo invito per niente al mondo ... Sai che sto giusto leggendo il libro che hai citato: un mese con Montalbano? L'ho scoperto da poco e convinta dalle così lusinghiere recenzioni mi sono decisa a guardare le ennesime repliche che ci sono appena state; mi ha conquistata!!

    A Trieste ci sono stata una sola volta, molti anni fa ...
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Terry ritorna a Trieste, ci sono cose splendide e una brava "cicerona" che ti aspetta, buon weekend !

      Elimina
  16. Quando si conosce e si ama profondamente un territorio, viene sempre un colpo al cuore leggere qualche inesattezza riferita ai luoghi o, come in questo caso, ai prodotti locali. Credo che Camilleri, da quel grande scrittore che e', apprezzera' la tua garbata rampogna :)
    Ti prenoto come Cicerone per la prossima visita a Trieste perche' ,due anni fa (forse non eravamo nello spirito giusto), mangiammo proprio male male male in alcuni localetti del centro storico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe un sogno se avessi una risposta ma credo che sarà impossibile che le mie parole arrivino fino a lui.....Mi piacerebbe tanto averti qui a Trieste Eugenia, vi porterei in posti sicuri, ti abbraccio cara, passa un felice weekend....

      Elimina
  17. Tu conosci molto bene il cibo e il vino del tuo territorio , perciò giusta critica . Ciao Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore cara Anna, un abbraccio e buon we....

      Elimina
  18. Sublime post,
    grazie per la lezione sui vini, preziosa :)

    RispondiElimina
  19. Post divertente e assolutamente condivisibile.
    Buon fine settimana
    Tiziana

    RispondiElimina
  20. Che bella lettera Chiara. Anch'io adoro Camilleri e i suoi libri e il programma televisivo di Montalbano. Vorrei che tornasse però il VECCHIO Montalbano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il vecchio Montalbano è tornato Linda, Zingaretti è unico !Buon we, un abbraccio !

      Elimina
  21. Bellissimo post ! correrò a prendere una bottiglia di Terrano che ahimè non conosco per assaporarne tutta la fragranza..Complimenti sei molto simpatica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la visita Annalisa, buon we !

      Elimina
  22. Che divertimento leggere questo post, cara Chiara! Simpaticissimo. Spero che l'ha letto anche il Sig. Camilleri. E' da tanto che non leggo uno dei suoi libri (tradutti in inglese). Mi hai fatto venire la voglia. Qui negli stati uniti hanno trasmesso anche il programma alla televisione. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Domenica, sei gentilissima ! passa un felice weekend, a presto !Un abbracci anche a te !

      Elimina
  23. Chiara perché non gli mandi questa lettera aperta? Sulla copertina di qualche suo libro ci sarà qualche contatto a cui scrivere, se non a lui direttamente forse tramite la sua casa editrice, oppure puoi vedere se collabora con qualche giornale e quindi l'email dovrebbe eserci. Sarebbe molto interessante per noi lettori leggere anche la sua risposta! Un abbraccio e buon week-end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci penserò, piacerebbe anche a me avere una sua risposta...Ti abbraccio cara, buon we !

      Elimina
  24. Quanto mi piace Camilleri :)
    Sono astemia, capisco nulla di vino, questa sera ho imparato qualcosa anch'io :)
    Tesoro, un bacione grande!!

    RispondiElimina
  25. Spero tanto che questo tuo scritto giunga a Camilleri! Hai fatto bene a puntualizzare, è servito molto anche a me che sono ignorante in materia.
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari lo leggesse cara bruna ! Buona settimana, un bacione....

      Elimina
  26. Mi piace Camilleri, però fai bene a commentare se ci sono errori sul vino, Io commenterei quando leggo di quelle mangiate che si fanno quelle donne bellissime che incontra Montalbano come se fossero scaricatori di porto, ma figuriamoci! hahaha!

    RispondiElimina
  27. hai ragione Alessandra ! Io sono intervenuta perchè conosco bene il mio territorio e un azzardo così non me la sono sentita di lasciarlo correre! buona settimana !

    RispondiElimina
  28. Ah ah, anche i grandi autori a volte scivolano su bucce di...uva! Hai fatto bene a puntualizzare, anche io mi scaldo quando trovo delle inesattezze in chi parla di ricette tipiche del mio territorio. Sarà che siamo tutti innamorati così tanto della nostra Italia ... E in fondo è dovere anche di chi scrive documentarsi al meglio quando si addentra in territori non troppo familiari, no? Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Margot, hai comprso perfettamente il mio disappunto...Un abbraccio e grazie per la visita !

      Elimina

I commenti anonimi non verranno pubblicati
Link attivi o inattivi di qualsiasi genere non saranno pubblicati
All ANONYMOUS comments and links will not be considered

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...