venerdì 22 maggio 2015

Ravioli alla menta e pescespada Barone
con salsa guacamole

ravioli alla menta e pescespada Barone con salsa guacamole


Quando il Pastificio Barone mi ha contattato per farmi assaggiare e presentare in anteprima il loro nuovo prodotto ho immediatamente associato il gusto fresco della menta , usato nell'impasto,con una salsa molto famosa che ho leggermente rivisitato per renderla più adatta .Questi piccoli ravioli alla menta ripieni di pesce spada (o trota) si prestano benissimo ad essere gustati a temperatura ambiente o addirittura freschi, intingerli nella salsa guacamole li renderà ancora più stuzzicanti , un appetizer originale da gustarsi in compagnia sorseggiando con un buon mojito !


giovedì 21 maggio 2015

Blogs Got Talent ! (137)


Oggi vi porto lontano, andiamo a New York, ci aspetta Silvia ! La blogger che ospito questa settimana è una ragazza umbra, precisamente di Foligno, a causa del lavoro di suo marito Alessandro ha vissuto un po' qui e un pò là, dallo Zambia a Cape Town in Sudafrica ma adesso si è stabilita a Brooklyn e se ne è innamorata. Tutto questo viaggiare ha influenzato il suo modo di mangiare e cucinare. Con loro vive Achille il loro cagnolino di 7 anni, date le sue minuscole dimensioni Achille ha potuto sempre seguirli facilmente nei loro spostamenti. Nell'anno in cui si è sposata Silvia ha iniziato a pensare ad un blog tutto suo e da questa idea è nato "Wonka Bakery". Appassionata anche di fotografia e di lettura Silvia dopo qualche tentennamento dovuto ai numerosi impegni da poco ha ripreso in mano le pagine del blog e vi si sta dedicando con rinnovato impegno. Predilige la cucina leggera in quanto essendo amante della corsa e dell'attività fisica, crede che una cucina sana ma gustosa ,  fatta di cibi semplici, senza troppo grassi che aiutano a mantenersi in salute , come darle torto? Per presentarvela non ho scelto una ricetta ma una foto che ritrae un angolo di New York particolarmente suggestivo, passate a trovarla, noi ci ritroviamo presto....


New York



martedì 19 maggio 2015

Lasagne al ragù con piselli

lasagne al ragù con piselli

Non solo per la domenica, queste lasagne sono ottime ogni giorno della settimana, provare per credere !Se poi siete così brave da fare la sfoglia in casa saranno ancora più gustose, buon lunedì !

domenica 17 maggio 2015

Polenta con radicchio trevigiano noci e stracchino

polenta con radicchio trevigiano, noci e stracchino

La ricetta di oggi è davvero un avanzo di frigo, non serve che ve la scriva per benino, ve la racconto perchè è di una facilità incredibile !

giovedì 14 maggio 2015

un libro...una ricetta... ( 7 )
" Le memorie di Pré Michele "
facezie e ricette di un prete goloso
Polpette di Sant'Odorico

un libro una ricetta

La ricetta di oggi è tratta da un romanzo che ho comperato nel corso della mia recente gita nella zona del Prosecco. Il romanzo inizia così : "Si va a cominciare, ovvero a narrare della mia vita, del mio amore per Dio e della passione per il cibo", chi si descrive così è Michele Soravìto un prete vissuto nel 1488 , la sua ingordigia gli costò un trasferimento coatto in Carnia, in un  paesino di nome Cesclàns,qui tra una messa e un sermone si dedicava alla sua grande passione...mangiare... L'autore di questo divertente romanzo è Paolo Morganti che tra una facezia e l'altra del simpatico e rubicondo  pretone  annota con cura numerose ricette . Quella che ho scelto di riprodurre fa parte del  quarto  capitolo "come scoprii che, per occupare il mio tempo nel migliore dei modi quando fuori piove, oltre alle ore di breviario e di preghiera mangiare polpette potrebbe essere un bene per il corpo e per lo spirito", la riporto integralmente come scritta dall'autore e la consiglio, è deliziosa !


" Le memorie di Pré Michele " di Paolo Morganti

Morganti editori


polpette di Sant'Odorico


Polpette di Sant'Odorico

ingredienti :

200 g di carne di vitello
200 g di carne di maiale
200 g di carne di manzo
1 uovo
50 g di pane
latte
sale, pepe nero
prezzemolo
50 g di formaggio tenero (io ho usato Asiago)
1/2 spicchio di aglio tritato (mia aggiunta)
farina q.b. (mia aggiunta)

Ho mangiato queste stupende polpette un giorno che, con il mio amico Martino, stavo andando a Spilimbergo. Ricordo che implorai lo speziale di fermarsi, perchè stavo svenendo dalla fame.Ci fermammo nel paese di sant'Odorico, in una locanda che si chiama " al buon Viandante ". Mi resi subito conto che eravamo entrati nel tempio dedicato al dio della polpetta! Ce ne servirono una montagna, accompagnandole con del buon vino rosso schietto che le fecero andare giù che era un piacere.Non potei esimermi dal chiedere la ricetta alla cuoca, un'arzilla vecchina di nome Prassède.Eccola qua. Dunque, tritate insieme tutte le carni e mettetele in una ciotola capiente insieme all'uovo. Aggiungete il pane(meglio usare quello avanzato dal giorno prima), che avrete lasciato ad ammollare nel latte, avedo però l'accortezza di strizzarlo, per non fare popette troppo molli. Mettete poi una spruzzata di sale, una macinata di pepe , (l' aglio) e del prezzemolo tritato.A questo punto , formate delle polpette, mettendo al centro di ognuna un dado di formaggio.Rotolate le polpette nella farina e cuocetele  in metà burro e metà olio, fino a quando avranno preso colore e il formaggio nel loro cuore si sarà sciolto.Che il piacere per la gola abbia inizio ! Lo so, Dio mi punirà, per questo.....

martedì 12 maggio 2015

Fettuccelle con mazzancolle e pomodorini

fettuccelle con mazzancolle e pomodorini

Un primo leggero e delicato creato lì per lì con delle mazzancolle che mi ha portato mia madre. Avrei dovuto uscire a comperare la passata di pomodoro ma proprio non ne avevo voglia.Ho trovato in frigorifero qualche pomodorino , un pò di prezzemolo, del vino bianco e mi sono arrangiata....

sabato 9 maggio 2015

Trattoria "Al Faro", una luce nuova a Trieste...

Trieste faro della Vittoria

All'ombra di questo famoso monumento (visitabile però solo il sabato e domenica pomeriggio), la Trattoria Al Faro di Dario e Renata Rakic ha come valore aggiunto una splendida e panoramica terrazza dove poter mangiare nella bella stagione


Trattoria al Faro

 gli interni sono molto carini ma fuori il panorama è splendido, fortunatamente c'era il sole e abbiamo pranzato all'aperto godendo della magica vista del golfo di Trieste

Trattoria al Faro interni


Trattoria al Faro decorazione in piastrelle

 Trieste e più in fondo la costa slovena e quella croata...

Trattoria al Faro terrazza

abbiamo apprezzato una cucina di pesce raffinata e gustosa
tartara di gamberi croati , mazzancolle marinate al balsamico con confettura al mandarino

gamberi croati e mazzancolle in tartare con salsa al curry

baccalà mantecato, sardoni in savor , al forno e  marinati

sardoni

tris di gamberi con salsa al curry,melanzane ed olive nere , asparagi

antipasti di verdure

polpo con patate, seppie al pomodoro, cicale di mare (da noi chiamate canoce), canestrelli gratinati



tagliolini con la granzievola

tagliolini con granzievola

tagliatelle con goulash di polpo, un'autentica rivelazione !

tagliatelle con goulash di polpo

un fritto misto assolutamente leggero e non unto,fatto con l'olio di girasole e non con l'extravergine

fritto

una scelta di dessert tra crostate e millefoglie alla crema, insomma abbiamo finito in bellezza...

dessert


 sarà stato il panorama, sarà stata la presenza accanto a noi del faro tanto caro ai triestini ma il pranzo è stato goduto dal primo all'ultimo piatto,il posto è ricco di atmosfera positiva....

Trattoria Al Faro 
Scala Sforzi 2 - Trieste. Tel. +39 040 410092
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...