mercoledì 3 giugno 2015

un libro...una ricetta... ( 7 ) " Le memorie di Pré Michele " facezie e ricette di un prete goloso Polpette di Sant'Odorico

un libro una ricetta

La ricetta di oggi è tratta da un romanzo che ho comperato nel corso della mia recente gita nella zona del Prosecco. Il romanzo inizia così : "Si va a cominciare, ovvero a narrare della mia vita, del mio amore per Dio e della passione per il cibo", chi si descrive così è Michele Soravìto un prete vissuto nel 1488 , la sua ingordigia gli costò un trasferimento coatto in Carnia, in un  paesino di nome Cesclàns,qui tra una messa e un sermone si dedicava alla sua grande passione...mangiare... L'autore di questo divertente romanzo è Paolo Morganti che tra una facezia e l'altra del simpatico e rubicondo  pretone  annota con cura numerose ricette . Quella che ho scelto di riprodurre fa parte del  quarto  capitolo "come scoprii che, per occupare il mio tempo nel migliore dei modi quando fuori piove, oltre alle ore di breviario e di preghiera mangiare polpette potrebbe essere un bene per il corpo e per lo spirito", la riporto integralmente come scritta dall'autore e la consiglio, è deliziosa !


" Le memorie di Pré Michele " di Paolo Morganti

Morganti editori


polpette di Sant'Odorico


Polpette di Sant'Odorico

ingredienti :

200 g di carne di vitello
200 g di carne di maiale
200 g di carne di manzo
1 uovo
50 g di pane
latte
sale, pepe nero
prezzemolo
50 g di formaggio tenero (io ho usato Asiago)
1/2 spicchio di aglio tritato (mia aggiunta)
farina q.b. (mia aggiunta)

Ho mangiato queste stupende polpette un giorno che, con il mio amico Martino, stavo andando a Spilimbergo. Ricordo che implorai lo speziale di fermarsi, perchè stavo svenendo dalla fame.Ci fermammo nel paese di sant'Odorico, in una locanda che si chiama " al buon Viandante ". Mi resi subito conto che eravamo entrati nel tempio dedicato al dio della polpetta! Ce ne servirono una montagna, accompagnandole con del buon vino rosso schietto che le fecero andare giù che era un piacere.Non potei esimermi dal chiedere la ricetta alla cuoca, un'arzilla vecchina di nome Prassède.Eccola qua. Dunque, tritate insieme tutte le carni e mettetele in una ciotola capiente insieme all'uovo. Aggiungete il pane(meglio usare quello avanzato dal giorno prima), che avrete lasciato ad ammollare nel latte, avedo però l'accortezza di strizzarlo, per non fare popette troppo molli. Mettete poi una spruzzata di sale, una macinata di pepe , (l' aglio) e del prezzemolo tritato.A questo punto , formate delle polpette, mettendo al centro di ognuna un dado di formaggio.Rotolate le polpette nella farina e cuocetele  in metà burro e metà olio, fino a quando avranno preso colore e il formaggio nel loro cuore si sarà sciolto.Che il piacere per la gola abbia inizio ! Lo so, Dio mi punirà, per questo.....

42 commenti:

  1. carinissimo questo articolo, ed un libricino davvero molto simpatico, come sempre riesci a suscitare interesse e curiosità. le polpette sono adorate dai miei figli mi sa che le prossime avranno nascosto questo goloso formaggio ;)

    buona giornata, un'abbraccio cara Chiara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara Pat, sappimi dire se le fai, un abbraccio grande !

      Elimina
  2. Complimenti mi piace questo libro, se poi da suggerimenti in cucina è l'ideale per coniugare una sana lettura a spunti per arricchire la propria cucina. Che belle polpette con ripieno mi piacerebbe averle per pranzo oggi.
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un romanzo divertente e con ricette tradizionali e facili da fare, grazie per la visita Rosalba , un bacio !

      Elimina
  3. Adoro le polpette, non posso che essere d'accordo con il protagonista Michele Soravìto. :)

    RispondiElimina
  4. ecco le polpette, io le adoro in qualsiasi modo siano preparate, queste sono appetitose, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a chi non piacciono le polpette? provale, sono deliziose ! Un abbraccio

      Elimina
  5. ..mmmmmm che buone queste polpette mettono una fame... :PP
    Complimenti cara bacii

    RispondiElimina
  6. Ma che belle sono queste polpette e molto gustose. L'asiago in mezzo li arricchiscono di molto e poi è un formaggio che mi piace tanto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si rende bene l'Asiago, grazie della visita !

      Elimina
  7. ahahahahahahah...troppo carino il brano e le polpette col ripieno di formaggio un'idea da golosoni davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si trattava bene il pretone del romanzo ! Grazie Alessandra

      Elimina
  8. Adoro le polpette e queste sono molto gustose! Buona giornata

    RispondiElimina
  9. un libro divertente di cui ho annotato il titolo. Le polpette sono fantastiche voglio provarle così con l'aggiunta dell'asiago al centro, sono di sicuro squisite. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci si può sbizzarrire con formaggi diversi, io avevo l'Asiago ma va bene qualunque tipo morbido e saporito, un bacione !

      Elimina
  10. Bellissimo questo libro, lo conosco.... e deliziose queste polpettine, quanto mi piacciono, bravissima Chiara!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è carino vero ? Grazie per la visita !

      Elimina
  11. ahahahahah!!!! non andrai all'Inferno per questo!!! cibo casalingo e saporito!!! mi incuriosisce questo libro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'inferno sarebbe pieno di golosoni,vero? Grazie per essere passata, un bacione

      Elimina
  12. Una a me, una a me, una a me, una a me, quante ne sono rimaste? Voglio anche quelle! :-) Chiara, sono golosissime!!! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe bello se potessimo mangiarle insieme Giovanna, spero un giorno di poterti conoscere, un bacione !

      Elimina
  13. leggendo il post mi è venuto un gran sorriso, non solo perché polpette così le fa da sempre mia mamma ma soprattutto perché mia mamma si chiama proprio Prassede, quando si dicono le coincidenze :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incredibile Stefania, tra l'altro il nome Prassède è raro !

      Elimina
  14. Molto interessante il libro e gustosissima la ricetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo doppio suggerimento, un buon libro e un fantastico comfort food... bravissima Chiara!

      Elimina
    2. grazie Annalisa , buon fine settimana !

      Elimina
  15. Che buono Chriara! Look dleizioso, un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Gloria, have a good weekend , un abbraccio !

      Elimina
  16. bello lo stralcio che hai riportato. scritto minuziosamente ma in modo divertente e spesso le due cose non vanno insieme.
    per le polpette che dire cara..... noi le amiamo appassionatamente!
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con le polpette si mette d'accordo tutti, buon weekend Irene, un bacione !

      Elimina
  17. That must be a humorous book, Chiara. I had to smile at entering the temple of the god of the meatball :) They look delicious! Happy weekend, my Dear. Hugs.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yes Susan, it's very humorous ! Thank you my dear, hugs

      Elimina
  18. ahahaha doveva essere una sagoma :D chissà se è stato punito :-p sempre buone le polpette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero di no, era troppo simpatico, grazie Vicky, buona settimana !

      Elimina
  19. Dear Chiara, It is wonderful when a book inspires us. The meatballs look wonderful. xoxo Catherine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. thank you my dear, have a nice week, a hug

      Elimina
  20. Des boulettes pleines de saveur. Elles doivent être délicieuses.
    A bientôt

    RispondiElimina

I commenti anonimi non verranno pubblicati
Link attivi o inattivi di qualsiasi genere non saranno pubblicati
All ANONYMOUS comments and links will not be considered

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...