lunedì 26 luglio 2010

Variazioni in corso d'Opera...."Norma"

ziti alla Norma, ricetta siciliana

La ricetta prende nome dalla  celeberrima opera  di Vincenzo Bellini detto il Cigno di Catania.  Dopo il grande successo dell'opera  era divenuta abitudine definire una Norma tutto quello che sembrava straordinario. "Chista è 'na vera Norma" disse in dialetto siciliano il commediografo Nino Martoglio davanti ad una eccellente pasta,da quel momento quello fu il nome che  rese celebre  questa pietanza in tutto il mondo. Il modo giusto di chiamare infatti questo primo piatto sarebbe "Pasta Norma". 





 L'opera, ambientata nella terra dei Druidi all'apoca romana, narra la triste storia d'amore fra Norma, figlia di Oroveso capo dei Druidi e Pollione, generale romano; naturalmente il finale sarà tragico per entrambi i protagonisti...All'epoca di Bellini il soprano che interpretava la parte di Norma si chiamava Giuditta Pasta, un nome  che fu davvero profetico...Voglio ricordare però la cantente che rese immortale quest'opera : la grande, grandissima Maria Callas...Il suo "Casta Diva " lo potete ascoltare in fondo al post....Ho voluto fare una variazione alla ricetta mantenendo però  gli ingredienti principali , ne è nato una sorta di involtino di melanzana che abbraccia gli ziti, la ricotta  salata completa il piatto che volendo si può mangiare anche dopo averlo gratinato in forno, il finale è a vostra scelta....



Ingredienti per 2 persone :

200 g di pasta formato ziti o candele
5 o 6 pomodori maturi
2 fette sottili di melanzana
olio ev
ricotta salata
basilico qb
1/4 di cipolla tritata

Sbollentare i pomodori, spellarli, togliere i semi e tagliarli a concassè.Versare un pò di olio in una padella, aggiungere la cipolla e dopo un pò i pomodori. lasciar restringere la salsa, aggiungere qualche foglia di basilico e salare.Friggere le fette di melanzana e farle asciugare su carta assorbente.Lessare la pasta al dente e scolarla bene, distendere gli ziti su un tagliere, pareggiare le punte e tagliarli dandogli una lunghezzza di circa 20cm. , passarli velocemente nel sugo di pomodoro e poi dividerli in due mucchietti.Avvolgere la fetta di melanzana intorno agli ziti, versare su ogni involtino un cucchiaio di pomodoro e grattugiare generosamente la ricotta. a questo punto, come dicevo prima, decidete se mangiarli così o passarli in forno a gratinare, sono buoni in entrambe le maniere....

Abbinamento vino : è d'obbligo naturalmente un vino siciliano, consiglio un bianco particolarissimo che si chiama CHIARANDA', Donnafugata,Marsala (TP) 13,5% Vol, temperatura di servizio intorno a 11/13°C



41 commenti:

  1. Ottima idea come sempre Chiara ...
    Iniziamo bene la settimana ....

    Buon lunedì e a presto ....

    RispondiElimina
  2. ottima variazione alla ricetta trdizionale. Ciao

    RispondiElimina
  3. Non sono una grande appassionata di Opera ma quest'aria è una delle poche che riesce a farmi sognare. Bella la tua rivisitazione della pasta alla Norma, complimenti per la pazienza ad allestire gli involtini.
    Buona settimana, un bacio

    RispondiElimina
  4. chista è 'na vera Norma????? ma certo che sì!!!!
    grazie per partecipare alla nostra sfida
    ale

    RispondiElimina
  5. Una presentazione da vera artista (tanto per restare nel campo delle opere d'arte quali la "Norma")! Con questo piccolo capolavoro il contest lo vincerai sicuramente ;-)

    RispondiElimina
  6. Mia cara, qualche anno fa, qualcuno pensò di fare la norma finger food proprio così come te... e divenne moda trovarla a tutti i matrimoni più importanti. COmplimenti per una non siciliana che pensa a questa presentazione.
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina
  7. Complimenti!Ne ho viste parecchie in giro in questo periodo di versioni della pasta alla norma ma la tua è davvero originalissima!
    Un abbraccio e in bocca al lupo!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Mi piacciono tutte queste Norme in rete!Stradovuto il tributo alla Callas...
    Bravissima.

    RispondiElimina
  9. Buongiorno cara, che meraviglia questa tua versione di una grande, grandissima ricetta!Bellissima presentazione e immagino infinito gusto..brava brava brava, mi piace un sacco!Baci

    RispondiElimina
  10. bella l'idea di raccoglire la pasta in quel modo, brava Chiara, la tua Norma è geniale!

    RispondiElimina
  11. Stupendo il post all'insegna dell'arte lirica e meravigliosa questa pasta alla Norma, presentata in maniera sublime e originale! Complimenti per la tua bravura! Un bacione e buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  12. SEI UN GENIO! E' una ricetta spettacolare!

    RispondiElimina
  13. Ciao Chiara, che idea carina........molto elegante...

    RispondiElimina
  14. @ I Viaggi del Goloso

    @ Francesco

    @ Federica

    @ Alessandra : grazie a voi per avermi dato l'opportunità di prepararla, era una vita che me lo ripromettevo!

    @ Lucia : ti ringrazio per la fiducia cara Lucia ma ci sono un sacco di ricette bellissime, è un contest davvero super!

    @ fantasie : cara Stefania i complimenti di una siciliana mi fanno ancora più piacere,credo di aver vissuto lì in qualche vita precedente,la vostra cucina ce l'ho nel sangue e ho fatto nell'indice una sezione apposita! Sapessi le volte che avrei voluto fare i famosi anelletti al forno, qui quel tipo di pasta non arriva proprio...sob

    @ marifra

    @ Edith Pilaff

    @ Meggy

    @ Tania

    @ Lady Boheme

    @ Francine

    @ Fabiola

    mi avete commossa tutti...davvero!I vostri complimenti ma soprattutto la vostra presenza costante nella mia cucina virtuale mi fa tanto felice, un enorme abbraccio a tutti voi, a prestissimo!

    RispondiElimina
  15. @ Lilly: mi eri sfuggita cara, grazie per la visita!

    RispondiElimina
  16. i tuoi non sono semplici piatti , ma filosofie culinarie , hai qualche dote particolare tipo wonder woman per questo. semplicemente fantastica. ciao

    RispondiElimina
  17. I loveg your post today. I am both an opera and food lover.
    Today I bought a small book of Italain recipes "rapide e simple" which I am going to try back in Paris!

    RispondiElimina
  18. Chiara, complimenti davvero, presentata così è fantastica! *_* davvero bella. baci

    RispondiElimina
  19. Che bella questa presentazione per la pasta alla norma, e la cultura è ovunque vero ? ciao

    RispondiElimina
  20. Ciao!
    Ogni giorno,una nuova ricetta.
    Ci pensero',la settimana prossima a Verona.
    Brava!
    Patrick(di Marsiglia)

    RispondiElimina
  21. Your Pasta Norma is beautiful! I wish I could taste it right now :)

    Bravo, Chiara!

    RispondiElimina
  22. @ Flavio : grazie per le tue parole, sei gentilissimo !

    @ Laura in Paris :good, well done! Italian cuisine is not difficult, I have written many easy recipes especially pasta, see you soon dear Laura and thanks for your visit,kisses

    @ Marie

    @ Stefania

    grazie mille anche a voi, siete sempre benvenute da me, un bacione!

    @ Patrick : grazie per la visita , a presto!

    @ Savoring Time in the kitchen :
    thanks for the compliments Susan!

    RispondiElimina
  23. dopo tutta questa sfilza di complimenti,non mi resta molto di originale da scriverti... sei sempre originalissima e molto creativa, ci sorprendi ogni giorno! quando apro il tuo blog, penso: chissà cosa si sarà inventata oggi Chiara...e non mi deludi mai ;-)

    RispondiElimina
  24. Ciao Chiara,finalmente riesco ad entrare in contatto con te.Da un pò di giorni ogni qualvolta entravo nel tuo blog e volevo commentarti mi si bloccava il pc.
    Comunque,questo primo piatto è fantastico e bellissima anche la presentazione.
    Baci,baci Raffa

    RispondiElimina
  25. @ betta : grazie cara sei sempre tanto gentile con me,spero di non deludere mai le tue aspettative e quelle delle altre amiche, un bacione!

    @ Raffaella :spero che non siano i due video che ho postato a bloccare l'ingresso...grazie per avermelo detto, un bacio..

    RispondiElimina
  26. strepitosaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!
    baci lalla

    RispondiElimina
  27. Bella, bella, bella!
    Ma soprattutto immagino quanto sia buona!
    Complimenti anche per la foto, mi piace molto.

    RispondiElimina
  28. casta diva dalla voce di maria, una delle "illuminazioni" musicali più emotive-emozionali, un imprinting fondamentale

    la tua rivisitazione della nota pasta molto coreografica e da acquolina,

    infine un saluto affettuoso da me

    RispondiElimina
  29. @ lalla
    @ MarinaV
    @ papavero di campo

    grazie di cuore per i vostri complimenti, un abbraccio ...

    RispondiElimina
  30. Mi piace molto questa tua variante, rende veramente benissimo nel piatto. Bacio

    RispondiElimina
  31. @ sabri .. grazie sabri, un abbraccione!

    RispondiElimina
  32. Quelle présentation.
    Bravo : un plat de chef.
    Bonne semaine et à bientôt.

    RispondiElimina
  33. Una versione da 'na Norma..mi chiedevo proprio perche' questa pasta si chiama cosi...!

    RispondiElimina
  34. @ nadji : merci ! Bonne semaine et à bientôt...

    @ Glu fri : grazie per la visita, buona giornata!

    RispondiElimina
  35. mamma che buona la pasta alla norma...poi questa è molto elegante, brava Chiara bella presentazione.

    RispondiElimina
  36. @ Angela Maci : grazie infinite Angela!

    RispondiElimina
  37. Stupenda questa pasta alla Norma e presentazione bellissima, senza parlare del premio sonoro, non mi stanco mai di ascoltare Casta Diva, cantata dalla Callas.
    Bacioni

    RispondiElimina
  38. @ Isa :spero di aver fatto cosa gradita con l'accostamento cucina/musica...grazie per la visita, un bacione

    RispondiElimina
  39. Original comme présentation

    Ginette

    RispondiElimina
  40. @ Ginette : Merci, bon week-end

    RispondiElimina

I commenti anonimi non verranno pubblicati
Link attivi o inattivi di qualsiasi genere non saranno pubblicati
All ANONYMOUS comments and links will not be considered

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...