lunedì 26 aprile 2010

Trieste e i suoi caffè ….tra aroma e poesia…

Piazza dell'Unità Trieste

Piazza dell'Unità d'Italia è il salotto buono di Trieste; da sempre biglietto da visita della città incanta i turisti di tutto il mondo con la sua eleganza aristocratica….Abbracciata su tre lati da palazzi imponenti guarda con occhi rapiti verso il quarto lato,unico e impagabile, il mare. Fra Ottocento e Novecento questa piazza insieme alla città che la ospita vissero la loro Belle Epoque, un periodo di fervida attività culturale e artistica. Non era difficile veder passeggiare James Joyce,scrittore irlandese in Italia dal 1904 al 1915, ma anche i triestini Umberto Saba e Italo Svevo, a loro spetta di diritto il ruolo di ciceroni in questo piccolo itinerario letterario nella mia amata città…la statue in bronzo ubicate in punti strategici testimoniano la loro presenza ancora viva tra noi…



Umberto Saba


targa Umberto Saba




Nei pressi della statua di Saba c’è ancor oggi quella che fu la sua libreria dal 1919 al 1957.All’interno opere preziose , introvabili altrove…


Libreria Antiquaria Umberto Saba a Trieste

statua in bronzo di Italo Svevo a Trieste


targa  Italo Svevo



Di fronte alla statua di Svevo si trova l’ingresso della Biblioteca civica 
dove è ospitato il museo sveviano


La statua di Joyce è posizionata sul ponte lungo il canale di Ponterosso, zona da sempre adibita a commerci ,durante la settimana c'è un variopinto mercato intorno alla giostra...

statua in bronzo di James Joyce a Trieste

statua in bronzo di James Joyce a Trieste


targa James Joyce

canale di Ponterosso a Trieste

Ponterosso a Trieste



I tre scrittori erano accomunati oltre che dalla passione per la scrittura anche da quella per il caffè,non era raro incontrarli seduti ai tavolini dei caffè che adesso sono denominati “Caffè storici “ triestini…Saba scrisse a proposito una poesia , la dedicò ad uno di questi…

"Caffè Tergeste"

Caffè Tergeste, ai tuoi tavoli bianchi
ripete l'ubbriaco il suo delirio;
ed io ci scrivo i miei più allegri canti.

Caffè di ladri, di baldracche covo,
io soffersi ai tuoi tavoli il martirio,
lo soffersi a formarmi un cuore nuovo.

Pensavo: Quando bene avrò goduto
la morte, il nulla che in lei mi predico
chi mi ripagherà d'aver vissuto?


Di vantarmi magnanimo non oso,
ma, se il nascere è un fallo,io al mio nemico
sarei, per maggior colpa,più pietoso.


Caffè di plebe, dove  un dì celavo
la mia faccia, con gioia oggi ti guardo.
E tu concili l'italo e lo slavo


a tarda notte, lungo il tuo biliardo
( da La serena disperazione 1913-1915
ora in Antologia del canzoniere, Torino, Einaudi 1987)


Ne restano alcuni molto belli densi di quell’atmosfera retrò, i loro arredi d’epoca e le frequentazioni intellettuali li hanno resi famosi , ancor oggi sono un piacevole rifugio per gli scrittori e per tutti quelli che desiderano sorseggiare un buon caffè magari accompagnato da una fetta di torta Sacher, Linzer , Dobos o Rigojanci…Ecco alcune foto di quelli che secondo me sono i più belli :

Al caffè San Marco, dove è facile incontrare lo scrittore triestino Claudio Magris, vi si tengono anche conferenze e presentazioni di libri..


Caffè San Marco a Trieste

Caffè San Marco a Trieste

Caffè San Marco a Trieste

Caffè San Marco a Trieste

Caffè San Marco a Trieste

Caffè San Marco a Trieste

Caffè San Marco a Trieste



Anche al Caffè Tommaseo l'atmosfera è suggestiva e d'altri tempi

caffè Tommaseo a Trieste

caffè Tommaseo a Trieste

caffè Tommaseo a Trieste

caffè Tommaseo a Trieste


Affacciato sulla piazza dell'Unità d'Italia è il Caffè degli Specchi

Caffè degli Specchi a Trieste


Gli interni però non hanno la suggestione e l'atmosfera dei due precedenti. Per dovere di cronaca devo segnalare anche gli altri caffè storici :

caffè Tergesteo  

caffè Stella Polare

caffè Torinese

caffè Urbanis

Il rapporto di Trieste con il caffè ha inizio nel 1700 ,arrivarono infatti in quell’epoca le prime navi con il loro prezioso carico, provenivano dai porti di Smirne e Alessandria d’Egitto .

La Casa d'Asburgo istituì nel 1917 il Porto Franco facendo di Trieste il principale porto dell'Impero d'Austria, dando un importante avvio alle attività commerciali della città e quindi anche al mercato del caffè.

Oggi a secoli di distanza Trieste è il primo scalo del mediterraneo per questo prodotto, si sdogana il 30% di tutto il caffè importato in Italia e il consumo pro capite è il doppio rispetto al resto d’Italia.

Difficile per un turista districarsi nella vastissima scelta dei caffè proposta,qui a Trieste  il nome dato ad ogni tipo di preparazione non corrisponde a quelle fuori dal nostro territorio.

NERO - espresso in tazzina

NERO IN B - espresso in bicchiere

DECA - espresso decaffeinato in tazzina

DECA in B - espresso decaffeinato in bicchiere

CAPO - caffè macchiato in tazzina

CAPO in B - caffè macchiato in bicchiere

CAPO DECA - decaffeinato macchiato in tazzina

CAPO DECA in B -  macchiato decaffeinato in bicchiere

GOCCIA caffè con una goccia di schiuma di latte



Eccoli raccolti in un simpatico poster

poster caffè


Chiedere un cappuccino , per chi è abituato alla tazzona di caffè con latte e schiuma,è talvolta imbarazzante…Il cameriere vi porterà un caffè in tazza piccola, praticamente un macchiato… se desiderate il cappuccino in tazza grande dovete specificare cappuccino all’italiana …strani i triestini, vero? Unici per questo....

38 commenti:

  1. Mi piacciono moltissimo i tuoi post triestini! Per non parlare di QUEL caffè, con relative tazze aristiche, ne vado matta, e la cosa bella è che al bar se siamo io e mio marito a prendere il caffè a lui danno la tazzina dipinta (che, diciamo, non è che gli faccia differenza) e a me quella bianca, che invece rosico da morire!

    Deve essere una città speciale, ed anche un po' strana (grazie per l'aviso sul cappuccino!!!)

    PS: mi sa che hai duplicato il post, ricomincia subito dopo essere finito.
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. @ Ciboulette :grazie della info cara, ho rimediato anche se i commenti seguono molto sotto....grazie per la visita !

    RispondiElimina
  3. Mi piace come riesci a cogliere i begli angoli della nostra città: brava!!!!
    Un caro saluto :-))
    Paola
    p.s. confermo: il post si è sdoppiato!!

    RispondiElimina
  4. Per i commenti prova a selezionare lo spazio ed eliminare la formattazione, per il post tu sai già che ho un nodo allo stomaco..uno di questi giorni prendo la macchina e volo lì.

    RispondiElimina
  5. @Pipaf 61 : sono in difficoltà non so proprio come fare, io ne vedo uno solo ma lo spazio è enorme....grazie per la visita!

    @Accanto al camino :cercherò di farmi aiutare perchè ne capisco poco, al massimo lo riscrivo ma perderei tutti i commenti...sob..ti aspetto, vieni a Trieste

    RispondiElimina
  6. Chiara, hai fatto un bellissimo reportage su Trieste. Che favola quel tavolino con le gambe in ghisa, mi ricorda tantissimo i lampioni che ci sono nel piazzale Michelangelo a Firenze.
    Per il problema tecnico, io entrerei in correggi post, posizionerei il cursore del mouse in fondo allo spazio bianco e farei risalire le righe con la freccia della tastiera (quella con il puntatore rivolto a sinistra). Ciao
    eugenia

    RispondiElimina
  7. Grazie Chiara non ho mai visitato Trieste,dalle tue foto vedo un pò com'è questa bellissima città

    RispondiElimina
  8. Cambialo subito allora, torneremo a commentare volentieri!! Bacioni!

    RispondiElimina
  9. E' davvero una bella città, possiede una classe ...innata. E tu Chiara, cogli molto di lei, la sua vera essenza ...che dire mi sento così quando vedo cose bellebelle, ciao

    RispondiElimina
  10. Grazie ancora una volta, Chiara: che Trieste fosse bella lo sapevo ma non ne conoscevo gli interni dei caffè (che belle quelle sedie di legno "vissute" del San Marco).
    Vada per una "Goccia" allora :-)

    RispondiElimina
  11. @ La belle Auberge : grazie per la dritta Eu, forse ce l'ho fatta!pensa che un tavolino così ce l'ho a casa,è malconcio ma conto di farlo rimettere in sesto...grazie per la visita, sei stata preziosa! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Evviva, che l'hai fatta!
    Ti invidio il tavolino.
    ciao
    eu

    RispondiElimina
  13. @ Nitte .

    @ Stefania :

    @ Jajo :

    se un giorno o l'altro vi venisse voglia di visitare Trieste ricordate che vi aspetto per portarvi un pò in giro....Grazie per essere passati da me..A presto!

    RispondiElimina
  14. Bellissima scoperta, questi tre scrittori in bronzo. Le due o tre volte che sono stata a Trieste ancora non c'erano. Grazie Chiara!

    RispondiElimina
  15. bellissima Trieste, ne sono da sempre affascinata, non so perchè!
    Un giorno mi piacerebbe visitarla, ho mi cugino lì e magari potrebbe essere une bella "scusa"! :))
    baci e buon lunedì.

    RispondiElimina
  16. @ Orsy : Vieni a vederle Orsetta...io ti aspetto, un abbraccio

    @ Betty : vale anche per te Betty,io son qui...un bacione

    RispondiElimina
  17. Chiara, sto arrivando! Che meraviglia, io non bevo molto caffè (uno la mattina) ma con il tuo racconto e le tue foto ho una grandissima voglia di berne uno in tutti i caffè di Trieste!
    Aspetto altri post triestini :)

    RispondiElimina
  18. Ciao Chiara, mi ha colpito ritrovare i versi di Saba per il Caffè Tergeste, che non esiste più. A suo tempo ero andata a caccia di informazioni per sapere dove era locato. La ricerca ha dato poi vita a quelle poche righe che puoi leggere su: http://www.amicidelcaffe.it/amicidelcaffe/index.php/2010/02/19/caffe-tergeste-umberto-saba/
    Mi piacerebbe trovare qualche immagine della Trieste di allora di quel Caffè e di quelle vie. Se per caso qualcuno ne fosse in possesso o volesse fornirmi indicazioni ...Grazie
    Alessandra

    RispondiElimina
  19. @ Marina : ne metterò altri di sicuro...Vi porterò in questi caffè,meritano una visita , un bacione!

    RispondiElimina
  20. @ Alessandra : mi ha fatto molto piacere la tua visita e il tuo commento,ho pensato di accludere al reportage quella poesia e pensavo si riferisse al Caffè Tergesteo....chiederò a mio padre che ha tantissime foto della vecchia Trieste , se trovo qualcosa di interessante te lo farò sapere. Scrivimi la tua mail a

    chiaralavogliamatta@gmail.com

    grazie ancora per la tua visita..

    RispondiElimina
  21. è un altro bellissimo post affettivo sulla tua cara città,
    un post di lettura e di consultazione che terrò in gran conto,
    ricordo d'essere stata nel caffè San Marco, gli arredi, le sedie usurate dal pesostrusciato dei corpi, non c'è oggetto splendido d'oggi di splendido design che possa emozionare altrettanto,
    la civiltà dei caffè è una tradizione e un'abitudine del nord, Firenze ad esempio ha sì le Giubbe rosse ed altri caffè storici di numero sempre più esiguo ma non c'è traccia di una cultura dei luoghi di caffè come è stato a venezia o a trieste o a torino, perché firenze è già sud rispetto a voi e rispecchia un altro tipo di fruizione,
    la tua città gronda cultura ed ha degli esponenti di grande levatura, i luoghi dove si fa anima restano impregnati di vibrazione ed è una memoria storica e identitaria da custodire con passione e devozione e tu Chiara lo fai ed io te ne ringrazio di cuore!

    RispondiElimina
  22. @ Papavero di campo :cara Laura,quando leggo i tuoi commenti sempre affettuosi e gentili mi commuovo....Siamo in sintonia e questo si percepisce molto bene,continuerò spronata dall'interesse che sento in tutte voi, grazie, grazie di cuore....

    RispondiElimina
  23. Che bel post!!! le tue foto son stupende, questa "gita" a Trieste attraverso i caffè mi è piaciuta mooooltissimo!

    RispondiElimina
  24. che città fantastica, non ci sono mai stata. Bellissima l'atmosfera che hai saputo riprodurre nelle foto.
    ciao
    Ale

    RispondiElimina
  25. @ terry
    @ Alessia

    grazie a voi...Fotografare sta diventando la mia seconda passione dopo cucinare....Un abbraccio ad entrambe

    RispondiElimina
  26. Chiara,minunate imagini!
    Multumesc!
    O zi frumoasa!Ciao!

    RispondiElimina
  27. @ Mariana

    Multumesc pentru vizita! Bun miercuri! Ciao

    RispondiElimina
  28. C'est décidément un super voyage à chaque fois que je viens te voir !
    Tes photos sont vraiment magnifiques et me donnent envie de venir voir Trieste ... En plus tu nous en parle avec tant d'amour !
    Bises et doux week end.

    RispondiElimina
  29. @ Mamika :

    cher Mamika, c'est toujours un plaisir de lire vos commentaires, Merci de votre visite, je suis en attente de Trieste, ce serait bien!Bises...

    RispondiElimina
  30. Mi ero persa questi due bellissimi post sulla tua città...amo Saba ( la poesia "caffè Tergeste"...che non conoscevo mi è sembrata di sentirla leggere a lui, seduto li..) e le statue dei due grandi artisti che passeggiano nella città ...che emozione.
    Non posso proprio perderti più di vista...e devo farmi a ritrovo post su post ...ma con la calma che fa gustare le cose..ciao!

    RispondiElimina
  31. Cara Chiara... che meraviglia, questo post, queste foto, questa città meravigliosa, come meravigliose e diverse da tutte le altre trovo siano altre grandi città "portuali" come Genova e Napoli (che però conosco, a differenza della tua Trieste, con la quale spero di rimediare presto!)... trovo abbiano un fascino ed una cultura che le distinguono da altre "grandi", come Firenze e Roma, ad es... dev'essere proprio grazie all'influenza di altre culture derivato dallo scambio di commerci... Trieste sicuramente risente di ciò ancora maggiormente, essendo anche città di confine: mi sembra di respirare aria austro-ungarica e slovena al contempo!
    p.s.: la statua di Svevo mi ha riportato alla mente la sua grande "Coscienza", sepolta negli antri del mio cervello dai tempi liceali... e ricordo che già allora (15-16 anni fa!) mi era venuta voglia di visitare Trieste! Finora però ne ho avuto solo un assaggio con il sublime Castello di Miramare, visitato di ritorno da un we in Slovenia... Però credo che Trieste meriti una visita a sè - nel nostro prossimo (spero ad ottobre) viaggetto furlan conterei di visitare Spilimbergo, Maniago (terra del bisnonno di mio marito) e dintorni; credo che TS sia completamente diversa dal resto del Friuli (infatti è in Venezia Giulia, o sbaglio?) e debba essere assaporata da sola....

    RispondiElimina
  32. @ Betta : carissima Betta,hai detto giustamente che Trieste è nella Venezia Giulia,sapessi quante volte devo correggere chi la chiama città friulana!Mi piacerebbe davvero farvi da cicerone come ho fatto a Marina e Rudi poche settimane fa e come di certo avrei letto nel post Amsterdam/Trieste...Ad ottobre(la settimana che porta alla seconda domenica del mese) Trieste ha un picco di presenze dovute alla regata più affollata del Mediterraneo, la Barcolana, gli alberghi di tutte le categorie sono pienissimi e prenotati da tempo e io che sono in giuria della regata non potrei seguirvi come vorrei,vi consiglio di venire a settembre...comunque quando vuoi ne riparliamo...a presto

    RispondiElimina
  33. grazie mille cara Chiara per la cortesia e la disponibilità! però non conto di poter "espatriare" per un lungo weekend prima di ottobre, poichè rientreremo dalle ferie francesi ad inizio settembre (sto prenotando a Moustiers, ti scrivo @mail dove ;-) ... cmq ci facciamo un pensierino e ti faccio sap! buona sett. e grazie ancora!

    RispondiElimina
  34. @ Betta : grazie a te per dimostrare tanto interesse per la mia amata città, a presto!

    RispondiElimina
  35. Non immagini quante emozioni scateni in me questo tuo bellissimo reportage! Tanti ricordi personali, ma anche tanta ammirazione e stima per questa città così unica, dall'ampio respiro. Le tue foto sono splendide come sempre, mi sembra di esserci tornata in quei caffè..Momento di nostalgia per una realtà così diversa dalla mia, ma altrettanto cara!

    RispondiElimina
  36. @ Rosa : grazie per le tue parole così gentili,trasmettere attraverso le foto le mie sensazioni è per me molto importante....Un abbraccio

    RispondiElimina
  37. Hai ragione! Le foto sono splendide! Bellissima la città! E che prelibatezze! Devo assolutamente venire! Un abbraccio forte forte! ciao

    RispondiElimina
  38. @ Simoff : leggo adesso, con immenso e imperdonabile ritardo( 4 giugno 2010), il tuo gentile commento!grazie , un abbraccio---

    @ Emanuela : mi fa piacere che con i miei reportage l'interesse verso la mia città cresca, fammi sapere quando verrai, un caffè ce lo beviamo insieme, vero? Un bacione....

    RispondiElimina

I commenti anonimi non verranno pubblicati
Link attivi o inattivi di qualsiasi genere non saranno pubblicati
All ANONYMOUS comments and links will not be considered

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...