lunedì 8 febbraio 2010

Girovagando tra quadri, frico, farine e stoccafisso....


reportage Villa Manin Passariano ingresso mostra


Qualche giorno fa sono andata a visitare una mostra molto interessante , la consiglio vivamente a chi si trova relativamente vicino a Udine;è un'occasione per vedere anche la splendida cornice che la ospita,Villa Manin a Passariano di Codroipo.



Dopo aver nutrito lo spirito abbiamo nutrito anche il corpo....Un robusto pranzo in stile tipico friulano  con frico, salame all'aceto e polenta...Siamo stati molto bene alla Trattoria Vanda di S.Martino di Codroipo,prezzi onestissimi e ambiente rustico e caldo.(tel 0432 900029 chiuso martedì sera e mercoledì)


Trattoria Vanda San Martino di Codroipo murale



Trattoria Vanda interni


Trattoria Vanda frico




Trattoria Vanda salame all'aceto



l'ambiente agreste friulano rilassa lo spirito

gregge


Finito il pranzo abbiamo raggiunto la zona del parco delle Risorgive dove abbiamo visitato il vecchio mulino Di Bert,risalente nei suoi elementi originari al 1450 , qui la lavorazione a bassi giri delle macine a pietra garantisce una lavorazione ottimale delle farine.Ho comperato farina di kamut, di farro e di frumento, tipo 2,proverò a farne qualcosa, sto studiando diverse ricette....Il mulino è anche conosciuto per un'altra lavorazione particolare:la battitura dello stoccafisso alla pietra, unica in Italia.Grazie ai colpi del maglio a battente in legno su pietra il pesce non viene assolutamente alterato ma acquista bontà e morbidezza garantendo poi una cottura perfetta....

Mulino Di Bert insegna


Mulino Di Bert pale


Mulino Di Bert


Mulino Di Bert interno


Mulino Di Bert interno


Mulino Di Bert battitura dello stoccafisso a pietra


Mulino Di Bert cataste di stoccafisso


Una bella gita.....


12 commenti:

  1. te lo dico anche qui: bellissima gita e belle suggestioni.

    RispondiElimina
  2. grazie cara, sei gentile come sempre...Ho ancora difficoltà in certi meccanismi ma ce la farò...

    RispondiElimina
  3. difficoltà? a me non pare proprio, vai come un treno, avanti così brava!

    RispondiElimina
  4. Vado pazza per il frico. Nonhai per caso una ricetta speciale? Belle le tue foto.
    Isa/Isolina

    RispondiElimina
  5. Quel frico! L'ho preparato anche ieri, aggiungendo un po' di porro e qualche dadolino di speck. Bellissimo reportage, Chiara.
    A presto

    RispondiElimina
  6. Isa non ho foto per il frico e mi dispiace postare una ricetta così...nuda...Te la scrivo in privato, ok?

    RispondiElimina
  7. il frico..fatto a modo non l'ho mai mangiato!

    RispondiElimina
  8. Genny è semplicissimo farlo, davvero!

    RispondiElimina
  9. Isa, ti dico come l'ho preparato io. Non ho dosi precise perché sono andata molto ad occhio. Per due persone ho sbucciato due patate medie e le ho tagliate a piccoli dadini. Ho soffritto, in pochissimo olio, dello speck a cubetti e un po' di porro tritatissimo. Ho unito le patate e fatto insaporire per qualche minuto. Ho portato a cottura aggiungendo un po' di acqua bollente e salando con giudizio. Quasi alla fine, ho completato con il Montasio a fettine, mescolando e trattando il tutto a mo' di frittata.Per un frico tradizionale, ci sono un paio di ricette interessanti su Altrotempo.

    un abbraccio
    eugenia

    RispondiElimina
  10. Grazie Eugenia, adesso Isa non ha scuse...dovrà farlo e poi raccontare qui...

    RispondiElimina

I commenti anonimi non verranno pubblicati
Link attivi o inattivi di qualsiasi genere non saranno pubblicati
All ANONYMOUS comments and links will not be considered

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...